Skip to content Skip to footer

ROUTE NAPOLÉON

[heading size=”2″ heading_class=”heading” heading_style=”style-1″ color=”#13349c”]Route Napoléon [/heading]

La Route Napoleon in moto è solo uno dei tanti modi per rivivere l’epopea di Napoleone Bonaparte, il corso che ha scalato la Francia divenendone imperatore. Questa strada, che si trova nella bassa Francia, è lunga all’incirca 300 chilometri (non vi è una distanza precisa, e varia dai 314 km ai 390), e la sua inaugurazione risale al 1932.

 

Mettendo in comunicazione due città particolarmente suggestive della Francia, ovvero Cannes (sulla Costa Azzurra) e Grenoble, la Route Napoleon è sicuramente un percorso turistico di particolare fascino, alla pari della Strada Romantica in Germania o della Strada del Califfato in Spagna.

[heading size=”5″ heading_class=”content_heading” heading_style=”style-1″]VIVERE LA FRANCIA IN MOTO [/heading]

La Route Napoleon è la strada che Napoleone percorse al suo ritorno dall’Elba per iniziare i fatidici 100 giorni che si conclusero con la disfatta di Waterloo. La strada inizia dal golfo di Juan in Costa Azzurra, nel sud della Francia, e termina a Grenoble.

 

Il tratto della Route Napoleon, la strada che vi stiamo illustrando e che va da Antibes a Barrrème (111 Km), viene considerata una delle più belle strade al mondo da percorrere in moto. Grandi panorami, asfalto perfetto e curve ad ampio raggio, pennellate a perfezione, la rendono una “Laguna Seca” aperta al traffico.

[quote style=”style-1″][/quote]
[youtube]cOPIbf3gLA8[/youtube]
[heading size=”5″ heading_class=”content_heading” heading_style=”style-1″] A PIEDI O A CAVALLO [/heading]

Nel 2015, in occasione del bicentenario del passaggio di Napoleone, nelle Alpi di Alta Provenza sono stati inaugurati i sentieri escursionistici che ripercorrono le orme dell’empereur. In particolare, la Via Imperiale (GR 406) tra Castellane e Sisteron – passando per Digne e Volonne – è un tracciato ideale per le escursioni a lunga percorrenza: camminando o cavalcando lungo i suoi 110 km, da coprire in 5 giorni, sembra davvero di entrare nella storia.

Leave a comment